Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Il contrituto italiano al restauro del Teatro Nazionale di Costa Rica

WhatsApp Image 2024-04-10 at 14.16.34 (2)

È iniziata l’8 aprile la nuova fase del restauro dei dipinti di grande formato Muses I e Muses II al primo piano del Teatro Nazionale di Costa Rica. Il progetto è guidato dalle esperte italiane Cecilia Santinelli e Gabriella Forcucci, e realizzato dall’IILA – Istituto Italo-Latino Americano con fondi italiani.

Fanno parte del team di restauro anche Jennifer Benavides Linares, Kimberly González Jiménez e David Calderón, selezionati lo scorso anno in un corso di formazione. Collaborano anche l’Istituto di Ricerca Artistica (IIArte) e l’Università del Costa Rica.

La nuova tappa del processo di restauro fa seguito al corso su “La conservazione del patrimonio pittorico: il caso del Teatro Nacional de Costa Rica. Storia, scienze diagnostiche e tecniche estetiche di reintegrazione delle parti mancanti nel restauro dei dipinti”, organizzato lo scorso anno al Teatro Nazionale. Il corso ha affrontato temi legati all’attuale panorama globale della conservazione e del restauro del patrimonio pittorico attraverso una visione interdisciplinare, fornendo strumenti per un’adeguata conservazione del patrimonio culturale e per la valorizzazione dei dipinti del Teatro Nazionale del Costa Rica a partire da una base teorico-pratica, in cui convergono ricerca storica e scientifica ed esercitazioni pratiche di restauro.

Il processo di restauro di questi dipinti, iniziato due anni fa, sarà completato nel marzo 2025.