Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Traduzione e legalizzazione dei documenti

Legalizzazione dei documenti

Per poter essere fatti valere in Italia, gli atti e i documenti rilasciati dalle autorità costaricane devono essere legalizzati dalle rappresentanze diplomatico-consolari italiane all’estero oppure muniti di Apostille rilasciata dalle autoritá locali dei paesi che hanno sottoscritto la Convenzione de L’Aia del 5 ottobre 1961 relativa all’abolizione della legalizzazione di atti pubblici stranieri, tra cui il Costa Rica.

Informazioni sull´apposizione dell´Apostille in Costa Rica possono essere reperite nelle seguenti pagine web: https://correos.go.cr/servicio-de-apostillado/ e https://www.rree.go.cr/?sec=servicios&cat=autenticaciones&cont=734. 

L’elenco aggiornato dei Paesi che hanno ratificato la Convenzione de L’Aja e delle autorità competenti all’apposizione dell’apostille per ciascuno degli Stati è disponibile sul sito web della Conferenza de L’Aja di diritto internazionale privato: http://www.hcch.net/.

 

 

Legalizzazioni delle traduzioni

Tutti gli atti e documenti che necessitano di essere fatti valere in Italia, eccetto quelli redatti su modelli plurilingue previsti da Convenzioni internazionali, devono essere tradotti in italiano.

Le traduzioni devono essere eseguite da un traduttore ufficiale, la cui firma viene poi certificata per mezzo dell´Apostille (vedi sopra).

Approfondimenti
  • LISTA DEI TRADUTTORI RICONOSCIUTI DALL’AMBASCIATA D’ITALIA A SAN JOSÉ:

    FRANCESCA JIMENEZ: cel. 88256000 – 22253796

    GIULIA GALPERTI: cel. 88270527

    NOTA: L’Ambasciata non assume alcuna responsabilità in merito all’accuratezza delle informazioni, alla loro integrità o alle competenze dei traduttori elencati.

    Una lista di traduttori ufficiali è anche reperibile sul sito web del Ministerio de Relaciones Exteriores y Culto.
    Si consiglia di prestare attenzione nella scelta del traduttore preferendo interpreti idonei, di accertata conoscenza della lingua italiana.