Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Domande Frequenti

Di seguito la risposta ad alcune delle domande più frequenti degli utenti.

– CHE COS’E’ L’A.I.R.E.

– COME ISCRIVERSI ALL’A.I.R.E

PASSAPORTO

Matrimonio e unioni civili

– ASSISTENZA ALLE IMPRESE ITALIANE ALL’ESTERO

– VISTI D’INGRESSO – VISAS

– SERVIZIO MILITARE

Studiare in Italia 

– Borse di studio

– Dichiarazioni di valore 

– Assistenza legale 

– VOTO ALL’ESTERO

– PENSIONI

– COMITES

– QUALI PRODOTTI ALIMENTARI POSSO PORTARE IN VALIGIA QUANDO MI RECO IN COSTA RICA?

– QUAL’E’ L’ORARIO DI APERTURA DELLA CANCELLERIA CONSOLARE ?

 

Quali sono i doveri del cittadino italiano residente all’estero?

I principali doveri del cittadino italiano residente all’estero sono:

1. aggiornare la propria residenza
2. aggiornare la situazione di stato civile

 

Come si aggiorna la propria residenza?
E’ sufficiente che il cittadino notifichi per iscritto alla Cancelleria consolare dell’Ambasciata il proprio nuovo indirizzo. La comunicazione deve essere firmata dal cittadino maggiorenne (o da uno dei genitori per il cittadino minorenne). E’ necessario inoltre allegare una copia del documento d’identità dell’interessato.  La pratica è totalmente gratuita, non è necessario un appuntamento e si può realizzare anche per posta.

 

Quale residenza bisogna comunicare alla Cancelleria consolare dell’Ambasciata ?
L’unico indirizzo da notificare è quello della “stabile dimora” (ossia il luogo dove la persona vive abitualmente). Non si può utilizzare come domicilio il posto di lavoro o un “domicilio legale” che non coincida con la stabile dimora della persona. Al riguardo possono essere effettuati controlli per verificare la residenza dichiarata dal cittadino.

 

Come si aggiorna lo stato civile?
I principali eventi che il cittadino italiano residente all’estero deve notificare alla cancelleria consolare dell’Ambasciata sono:

1. il matrimonio;
2. il divorzio;
3. la nascita di figli ancora minorenni;
4. la morte del coniuge non cittadino italiano;
5. la morte del coniuge cittadino italiano o di altri parenti cittadini italiani.

Queste pratiche sono gratuite.