Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Cesare Dondoli

Cesare Dondoli è considerato il fondatore degli studi delle scienze geologiche in Costa Rica.

Dondoli nacque in Italia a Castell’Arquato (Piacenza) il 3 giugno 1913 e morì in Costa Rica nel 1994.
Laureato in Scienze Naturali presso l’Università di Modena nel giugno 1936, per due anni fu assistente all’Istituto di Geologia nella stessa università e lavorò come geologo presso l’AGIP petroli.

Fu chiamato in Costa Rica, nel 1939, per coprire il posto vacante che aveva lasciato un altro pioniere delle attività geologiche, lo svizzero Pablo Schaufelberger, Capo della Sezione di Geologia e Mineralogia del Centro Nazionale di Agricoltura.

Nel 1940 tale Sezione fu accorpata alla Facoltà di Agronomia dell’Universita’ del Costa Rica – UCR.

Il prof. Dondoli si occupò di prospezioni geologiche per scopi minerari e studio del suolo, di acque sotterranee e di analisi chimiche su rocce, suoli e minerali. Tra le sue competenze il controllo dei sismografi del vecchio Istituto Fisico-Geografico, diretto dallo scienziato svizzero Henry Pittier, che era installato nel Centro Agricolo Nazionale di San Pedro de Montes de Oca.

Presso il Centro tenne le prime lezioni di Geologia e svolse le prime ricerche geologiche applicate al campo agronomico. Tra queste spicca quella che lui chiamò ricerca “geoagronomica”, che permise a molti dei suoi studenti di diplomarsi in ingegneria agraria all’inizio degli anni ‘40. I primi laureati furono Gabriel Dengo Obregón (geologo), Gil Chaverri Rodríguez (chimico) e Herbert Nanne Michaud (agronomo).

Allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale nel 1943 il prof. Dondoli, a causa della sua nazionalità italiana, fu internato in un campo di concentramento negli Stati Uniti e nel 1945, terminato il periodo bellico, ritornò in patria, dove lavorò nella ricerca relativa alla perforazione e allo sfruttamento degli idrocarburi.

Nel 1949 ritornò in Costa Rica per assumere la direzione della Sezione di Geologia e Mineralogia. Lavorò come accademico nelle facoltà di Agronomia e Ingegneria dell’UCR e presso il Ministero dell’Agricoltura nella preparazione del Codice Minerario, approvato nel 1953, e nel contratto petrolifero con la Union Oil. In quest’anno fu istituito il Dipartimento di Geologia, Miniere e Petrolio del Ministero dell’Agricoltura.


Quando fu creato il Dipartimento, il prof. Dondoli preparò uno staff professionale e tecnico per supportare le varie attività geologiche e di sviluppo, come l’estrazione mineraria e petrolifera, la ricerca tettonica, le attività agricole, le infrastrutture, l’energia, le risorse idriche, nonché le attività sismologiche e vulcanologiche e il monitoraggio e l’impatto sui disastri naturali, che poi servirono a costituire la Rete Sismologica Nazionale (RSN).

Nel 1960 fu organizzato il Primo Incontro dei Geologi dell’America Centrale, tenutosi presso l’UCR. Si tratta di una tappa storica importante nella storia nazionale del Costa Rica, poiché è lì che il prof. Dondoli presentò il progetto per la creazione della Scuola Centroamericana di Geologia, poi realizzata presso l’Università del Costa Rica nel 1970.

Iniziò così la fruttuosa opera del prof. Dondoli in Costa Rica a favore delle scienze geologiche, culminata con la creazione della Scuola Centroamericana di Geologia, della quale fu direttore per diversi anni.

Si dimise dall’incarico di Direttore del Dipartimento di Geologia, Miniere e Petrolio nel 1971, per continuare come primo Direttore della Scuola fino al pensionamento nel 1979.

La sua fu una lunga e fruttuosa vita di insegnante e ricercatore.

Morì il 7 luglio 1994 e le sue spoglie riposano nella sua amata Italia.